Val Canzoi al Frassen

bici

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Tratto abbastanza facile, con dislivelli modesti ma molto suggestivo lungo la più bella valle del Feltrino: una valle lunga, profonda e paesaggisticamente molto spettacolare, notevole per la qualità dei suoi ambienti naturali, boschi, radure prative, greti alluvionali e sorgenti carsiche.

La partenza proposta è dalla Cooperativa Orsera (1) in un vasto pianoro in riva al Torrente Caorame, dove c’è un centro informativo e di educazione ambientale del Parco Nazionale delle Dolomiti. La strada qui è quasi pianeggiante e asfaltata.

Passiamo le zone Al Preton e La Guarda dove troviamo una centrale idroelettrica. Nei secoli scorsi il luogo era sede di frontiera con l’Austria. Siamo nell’antica Val Canzoi, dove sono visibili le principali formazioni rocciose della successione stratigrafica delle Dolomiti Bellunesi, dalla Scaglia rossa alla Dolomia Principale. La strada della Val Canzoi si conclude all’Osteria Boz (2), un po’ prima del Lago della Stua (3), uno specchio d’acqua formato da una diga artificiale sul corso del torrente.

Si prosegue costeggiando il lago a sinistra e poi passando il Caorame su una passerella in mezzo a un bosco di abeti e latifoglie a pochi passi dalle acque scroscianti del torrente. Seguendo il sentiero che sale verso il Cimonega e i bivacchi Walter Bodo a sinistra, arriviamo al Frassen (4), un vecchio fabbricato rurale restaurato a foresteria con 22 posti letto.

Al ritorno si ripercorre il medesimo itinerario con una possibile variante sulla destra passando per Casera Tumitano e Prà di Faibon.

INFO PERCORSO

Lunghezza: 15 km circa A/R
Quota massima: 850 m
Tempo medio percorrenza: 1,5/2 ore
Partenza/Arrivo: Coop. Orsera
Condizioni del percorso: strada asfaltata e sterrata in buone condizioni
Parcheggio auto: Coop. Orsera via Val Canzoi

IN EVIDENZA

La Foresteria Al Frassen

È un vecchio rustico acquistato dal Parco, ristrutturato e trasformato in foresteria. Da maggio 2012 la struttura ha la registrazione Ecolabel che è il marchio europeo che distingue le strutture caratterizzate da un basso impatto ambientale ed è la prima struttura in Provincia di Belluno che ha ottenuto questo riconoscimento.

Il Lago della Stua

È uno dei due laghi artificiali presenti nel Parco, l’altro è il lago del Mis. I boschi che lo circondano sono molto vari perché comprendono formazioni con carpino nero e faggio e boschi di pino silvestre.

Il torrente Caorame

Risalendo la valle per arrivare al Frassen si costeggia il torrente Caorame, caratterizzato da un’elevatissima qualità delle acque. Inoltre, ospita animali legati ad ambienti torrentizi come la ballerina gialla e il merlo acquaiolo.